//
you're reading...
Eventi /Conferenze, Writing For Fashion /Studenti

“Kitchens”: una e mille storie in 26 minuti

Di Emanuela Michelucci – Laureata Culture e Tecniche della Moda

  

«Non c’è posto al mondo che io ami più della cucina. Non importa dove si trova, com’è fatta: purché sia una cucina, un posto dove si fa da mangiare, io sto bene». Se le parole di Banana Yoshimoto fossero delle immagini, sarebbero quelle di “Kitchens”: il supercut della durata di 26 minuti ideato e realizzato dai Proff. Ines Tolic (Storia del design e dell’architettura contemporanea) e Roy Menarini (Cinema i industria culturale), in collaborazione con gli studenti del Corso di Laurea in Culture e Tecniche della Moda, Università di Bologna – Campus di Rimini.

Sembra incredibile, eppure 300 sequenze cinematografiche montate ad arte sono riuscite a raccontare una e mille storie, leggibili da plurimi punti di vista come un geniale cruciverba. “Ingressi”, “Frigoriferi”, “Cucinare”, “Mangiare”, “Litigi. Amori e altre storie”: a prima vista capitoli tipici di un racconto affascinante e vecchio quanto il mondo e, invece, c’è ancora molto da leggere – e gustare – fra le righe.

Le luci si spengono, ciak si gira: uomini e donne fanno capolino in cucine dall’aria familiare, entrano di corsa, di soppiatto, arrabbiati o felici; si avvicinano ai frigoriferi e li aprono, li richiudono o li lasciano aperti; cucinano e il cibo si trasforma: dallo stato grezzo passa al cotto e infine servito; finalmente si mangia, all’inizio in compagnia fino a rimanere completamente soli; dulcis in fundo, si litiga amandosi e ci si ama litigando, gli uomini maltrattano le donne e le donne gli uomini e ci si bacia, si balla, si fa l’amore e poi.

Titoli di coda.

Se Banana Yoshimoto avesse visto “Kitchens” si sarebbe stupita di quanto siano brevi 26 minuti a volte, e di quanto sia emozionante riconoscersi in un racconto che fa dell’ordinario lo straordinario. Di quanto possa essere poetica, straziante e comica una cucina e di quanto possiamo esserlo noi se sappiamo come usarla.

Un assemblage che ci grida “mangiami” dall’inizio alla fine – tale al più delizioso dei pasticcini di Alice -, ma che non può essere raccontato perché, come tutti i cibi più buoni, va provato.    

________________________________________________________________________

IDEAZIONE E REALIZZAZIONE:

Roy Menarini, Cinema e industra culturale

Ines Tolic, Storia del Design e dell’Architettura Contemporanea

IN COLLABORAZIONE CON: 

Cineteca di Rimini

DOVE/QUANDO:

Cineteca di Rimini, Via Gambalunga 27, Rimini il 14 maggio 2015, alle ore 17

Vedi anche: KITCHENS A CURA DI: Roy Menarini, Cinema e Industria Culturale Ines Tolic, Storia del Design e dell’Architettura Contemporanea.

Annunci

Discussione

Non c'è ancora nessun commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: